Product SiteDocumentation Site

A.2. Ubuntu

Ubuntu ha fatto un grande scalpore quando è arrivata sulla scena del software libero, e per buone ragioni: Canonical Ltd., la società che ha creato questa distribuzione, ha iniziato con l'assunzione di una trentina di programmatori Debian ed ha dichiarato pubblicamente di voler raggiungere l'obiettivo fornire una distribuzione per il grande pubblico due volte l'anno. Si sono inoltre impegnati a mantenere ogni versione per un anno e mezzo.
Questi obiettivi comportano necessariamente una riduzione dell'ambito; Ubuntu si concentra su un numero minore di pacchetti di Debian, e si basa principalmente sul desktop GNOME (sebbene una derivata ufficiale di Ubuntu, chiamata “Kubuntu”, si basi su KDE). Tutto è internazionalizzato e reso disponibile in un gran numero di lingue.
Finora, Ubuntu è riuscito a tenere questo ritmo di rilascio. Vengono pubblicati anche dei rilasci Long Term Support (LTS), con una promessa di manutenzione di 5 anni. Ad Aprile 2015, la versione LTS corrente è la 14.04, soprannominata Utopic Unicorn. L'ultima versione non-LTS è la 15.04, soprannominataVivid Vervet. I numeri di versione descrivono la data di rilascio della release: 15.04, per esempio, è stata rilasciata nel mese di Aprile 2015.
Ubuntu ha raggiunto una vasta platea del grande pubblico. Milioni di utenti sono rimasti impressionati dalla sua facilità di installazione, ed dal lavoro che è stato fatto per rendere il desktop facile da usare.
Ubuntu e Debian hanno un rapporto teso; gli sviluppator di Debian che avevano riposto grandi speranze nel contributo diretto che Ubuntu avrebbe potuto dare a Debian sono stati delusi dalla differenza tra il marketing di Canonical, che implica che Ubuntu sia un buon cittadino nel mondo del Software Libero, e la pratica reale dove sono state semplicemente rese pubbliche le modifiche applicate ai pacchetti Debian. Le cose sono andate sempre meglio nel corso degli anni, ed ora Ubuntu ha reso pratica generale trasmettere le patch nel luogo più adatto (anche se questo vale solo per il software esterno che viene pacchettizzato e non per il software di Ubuntu come Mir o Unity).