3.6. Configurazione di hardware e sistema operativo prima dell'installazione

Questa sezione guida il lettore attraverso la riconfigurazione dell'hardware che in alcuni casi potrebbe essere necessaria prima di installare Debian. Generalmente si tratta di controllare e, nel caso, di modificare le impostazioni del firmware del proprio sistema. Il “firmware” è il software essenziale usato dall'hardware. Ne viene fatto un utilizzo critico durante il processo di bootstrap (che segue l'accensione). Verranno anche evidenziati problemi noti con hardware particolare che potrebbero incidere sull'affidabilità di Debian GNU/Linux.

3.6.1. OpenFirmware

Normalmente sui sistemi PowerPC non c'è alcun bisogno di configurare il BIOS (chiamato OpenFirmware). PReP e CHRP sono dotati di OpenFirmware, ma sfortunatamente il modo usato per invocarlo varia a seconda del produttore. Si deve consultare la documentazione dell'hardware fornita con la propria macchina.

Sui Macintosh PowerPC, si entra in OpenFirmware premendo Command-option-O-F durante il boot. In generale il sistema controllerà la pressione di tali tasti dopo la melodia, ma i tempi esatti variano da modello a modello. Per suggerimenti consultate http://www.netbsd.org/Ports/macppc/faq.html

Il prompt di OpenFirmware somiglia a:

ok
0 >

Sui Mac PowerPC più vecchi, per l'utente interagisce con OpenFirmware attraverso la porta seriale (modem). In alcuni casi non è nemmeno possibile fare altrimenti: invocando OpenFirmware su una di queste macchine, si vede solo uno schermo nero. In tal caso per interagire con OpenFirmware si deve connettersi attraverso la porta seriale da un altro elaboratore su cui è attivo un emulatore di terminale.

Sulle macchine OldWorld Beige G3, OpenFirmware (OF versioni 2.0f1 e 2.4) è difettoso. Tali macchine molto probabilmente non saranno in grado di fare il boot dal disco fisso, a meno che al firmware non venga applicata una patch opportuna, come quella compresa nell'utility System Disk 2.3.1 scaricabile da Apple come ftp://ftp.apple.com/developer/macosxserver/utilities/SystemDisk2.3.1.smi.bin. Scompattate l'utility in MacOS, avviarla e azionare il pulsante Save affinché le patch del firmware vengano installate nella nvram.

3.6.2. Problemi hardware a cui prestare attenzione

Qualità della visualizzazione su Powermac OldWorld.  Alcuni Powermac OldWorld, principalmente quelli con il “control display driver”, potrebbero non essere in grado di riprodurre correttamente la mappa dei colori sotto Linux quando si richiede una visualizzazione con più di 256 colori. Se si verificano problemi di visualizzazione dopo il riavvio (si vedono degli strani caratteri o non si vede nulla) oppure se dopo l'avvio lo schermo diventa nero anziché mostrare l'interfaccia utente del sistema d'installazione, si può provare a modificare le impostazioni di visualizzazione sotto MacOS in modo da usare 256 colori al posto di “migliaia” o addirittura “milioni” di colori.