Capitolo 2. Cosa c'è di nuovo in Debian GNU/Linux 5.0

Sommario

2.1. Cosa c'è di nuovo nella distribuzione?
2.1.1. Gestione dei pacchetti
2.1.2. La sezione «proposed-updates» (aggiornamenti proposti)
2.2. Miglioramenti al sistema
2.3. Debian Live
2.4. Principali modifiche relative al kernel
2.4.1. Modifiche nella pacchettizzazione del kernel
2.5. Emdebian 1.0 (basato su Debian GNU/Linuxlenny 5.0)
2.6. Supporto per i portatili
2.7. Java ora in Debian

Il wiki contiene ulteriori informazioni su questo argomento.

Questo rilascio aggiunge il supporto ufficiale per l'architettura ARM EABI (armel).

Le seguenti architetture sono ufficialmente supportate per Debian GNU/Linux lenny:

Maggiori informazioni sullo stato dei port e informazioni specifiche sul port per la propria architettura sono disponibili nelle Pagine web relative ai port di Debian.

2.1. Cosa c'è di nuovo nella distribuzione?

Ancora una volta la nuova versione di Debian esce con molto più software rispetto alla precedente, etch; la distribuzione include più di 7700 nuovi pacchetti, per un totale di oltre 23200 pacchetti. La maggior parte del software nella distribuzione è stata aggiornata: più di 13400 pacchetti software (corrispondente a 72% di tutti i pacchetti in etch). Inoltre, un notevole numero di pacchetti (oltre 3100, 17% dei pacchetti in etch) è stato rimosso dalla distribuzione per diversi motivi. Non si vedranno aggiornamenti per questi pacchetti ed essi saranno marcati come «obsoleti» nelle interfacce dei programmi di gestione dei pacchetti.

Con questo rilascio, Debian GNU/Linux aggiorna la versione di X.Org, dalla 7.1 alla 7.3.

Debian GNU/Linux viene ancora fornito con molti ambienti e applicazioni desktop. Fra l'altro include ora gli ambienti desktop GNOME 2.22[1], KDE 3.5.10, Xfce 4.4.2 e LXDE 0.3.2.1+svn20080509. Anche i programmi applicativi sono stati aggiornati, incluse le suite per l'ufficio OpenOffice.org 2.4.1 e KOffice 1.6.3, così come GNUcash 2.2.6, GNUmeric 1.8.3 e Abiword 2.6.4.

Gli aggiornamenti degli altri applicativi desktop includono l'aggiornamento a Evolution 2.22.3 e Pidgin 2.4.3 (precedentemente conosciuto come Gaim). Anche la suite Mozilla è stata aggiornata: iceweasel (versione 3.0.6) è la versione senza marchio del browser web Firefox e icedove (versione 2.0.0.19) è la versione senza marchio del client di posta elettronica Thunderbird.

Fra i molti altri, questa versione include anche i seguenti aggiornamenti software:

PacchettoVersione in 4.0 (etch)Versione in 5.0 (lenny)
Apache2.2.32.2.9
Server DNS BIND 9.3.49.5.0
Server web Cherokee0.5.50.7.2
MTA Courier 0.53.30.60.0
Dia0.95.00.96.1
Client VOIP Ekiga2.0.32.0.12
Server di posta elettronica predefinito Exim4.634.69
GNU Compiler Collection come compilatore predefinito4.1.14.3.2
GIMP2.2.132.4.7
la libreria C GNU2.3.62.7
lighttpd1.4.131.4.19
maradns1.2.12.041.3.07.09
MySQL5.0.325.0.51a
OpenLDAP2.3.302.4.11
OpenSSH4.35.1p1
PHP5.2.05.2.6
MTA Postfix2.3.82.5.5
PostgreSQL8.1.158.3.5
Python2.4.42.5.2
Tomcat5.5.205.5.26

La distribuzione ufficiale Debian GNU/Linux viene ora distribuita su un numero variabile fra i 4 e i 5 DVD o rispettivamente fra i 28 e i 32 CD (secondo l'architettura) e 4 DVD o 28 CD sorgenti. Inoltre vi è un DVD multi-architettura, con un sottoinsieme del rilascio per le architetture amd64 e i386 e il codice sorgente. Per la prima volta, Debian GNU/Linux è anche rilasciato come immagini Blu-ray , anch'esse per le architetture amd64 e i386 e il codice sorgente.

Debian supporta ora il Linux Standard Base (LSB), versione 3.2.

2.1.1. Gestione dei pacchetti

aptitude è il programma preferito per la gestione dei pacchetti da console. aptitude supporta la maggior parte delle operazioni da riga di comando di apt-get e ha dimostrato di saper risolvere i problemi di dipendenze meglio di apt-get. Se si sta ancora usando dselect, si dovrebbe passare ad aptitude come interfaccia ufficiale per la gestione dei pacchetti.

Per lenny è stato implementato un meccanismo avanzato di risoluzione delle dipendenze in aptitude, che cercherà la miglior soluzione se vengono trovati dei conflitti a seguito di modifiche nelle dipendenze fra pacchetti.

2.1.2. La sezione «proposed-updates» (aggiornamenti proposti)

Tutte le modifiche alle distribuzioni rilasciate, stable e oldstable, vengono sottoposte a un esteso periodo di test prima di essere accettate negli archivi. Ciascuno di questi aggiornamenti del rilascio stable (oldstable) è chiamato una «point release». La preparazione delle point release viene effettuata attraverso il meccanismo delle proposed-updates.

I pacchetti possono entrare nelle proposed-updates in due modi: i pacchetti con correzioni di sicurezza aggiunti a security.debian.org vengono aggiunti automaticamente anche alle proposed-updates, inoltre gli sviluppatori Debian GNU/Linux possono caricare nuovi pacchetti direttamente in proposed-updates. È possibile visualizzare l'elenco attuale dei pacchetti in http://ftp-master.debian.org/proposed-updates.html.

Se si desidera, si può aiutare a collaudare gli aggiornamenti dei pacchetti prima che siano aggiunti formalmente a una «point release», aggiungendo la sezione proposed-updates al proprio sources.list:

deb     http://mirrors.kernel.org/debian lenny-proposed-updates main contrib
deb-src http://mirrors.kernel.org/debian lenny-proposed-updates main contrib

Alla prossima esecuzione di aptitude update, il sistema sarà al corrente dei pacchetti disponibili nelle proposed-updates e li considererà al momento di cercare gli aggiornamenti dei pacchetti.

Non si tratta propriamente di una nuova funzionalità di Debian, ma di una alla quale non è mai stato dato grande risalto in precedenza.

2.2. Miglioramenti al sistema

C'è un numero di modifiche nella distribuzione di cui beneficieranno nuove installazioni di lenny, ma che non possono essere applicate automaticamente agli aggiornamenti da etch. Questa sezione fornisce una panoramica delle modifiche principali.

SELinux ha priorità standard, ma non è abilitato in modalità predefinita

I pacchetti necessari per il supporto a SELinux (Security Enhanced Linux) sono stati promossi a priorità standard. Questo significa che essi saranno installati in modalità predefinita durante le nuove installazioni. Per i sistemi esistenti è possibile installare SELinux usando:

# aptitude install selinux-basics

Si noti che il supporto a SELinux non è abilitato in modalità predefinita. Informazioni sulla configurazione e l'abilitazione di SELinux sono disponibili nel Wiki di Debian.

Nuovo demone predefinito syslog

Il demone syslog predefinito per lenny è rsyslog, anziché sysklogd. rsyslog è altamente compatibile con sysklogd e può essere usato come sostituto immediato. Se si hanno regole personalizzate di logging, si dovrebbe procedere alla loro migrazione nel nuovo file di configurazione /etc/rsyslog.conf.

Gli utenti che aggiornano da etch dovranno installare rsyslog e rimuovere sysklogd manualmente. Il demone predefinito syslog non viene sostituito automaticamente durante l'aggiornamento a lenny.

Supporto per UTF-8 migliorato

Un certo numero di applicazioni aggiuntive sarà impostato per usare UTF-8 in modalità predefinita o per avere un supporto per UTF-8 migliorato rispetto a prima. Si consulti http://wiki.debian.org/UTF8BrokenApps per maggiori informazioni sulle applicazioni che tuttora presentano problemi nella gestione di UTF-8.

Identification of the release's revision

Starting from Lenny, /etc/debian_version will indicate the revision number of the debian release (5.0, then 5.0.1, etc.)

This also means that you should not expect this file to be constant throught the release lifetime.

Il Wiki di Debian contiene informazioni supplementari sui cambiamenti fra etch e lenny.

2.3. Debian Live

Con lenny Debian presenta i sistemi Live ufficiali per le architetture amd64 e i386.

Un sistema Debian Live è un sistema Debian che può essere avviato direttamente da un'unità rimovibile (CD-ROM, DVD, chiavette USB) o da un altro computer sulla rete senza alcun bisogno di installazioni. Le immagini sono state prodotte con uno strumento denominato live-helper, il quale consente la creazione agevolata di immagini live personalizzate. Maggiori informazioni sul progetto Debian Live sono reperibili in http://debian-live.alioth.debian.org/.

2.4. Principali modifiche relative al kernel

Debian GNU/Linux 5.0 viene fornito con il kernel versione 2.6.26 per tutte le architetture.

Ci sono stati grossi cambiamenti, sia nel kernel in sé, sia nella pacchettizzazione del kernel per Debian. Taluni di questi cambiamenti complicano la procedura di aggiornamento e potrebbero causare problemi durante il riavvio del sistema dopo l'aggiornamento a lenny. Questa sezione fornisce una panoramica dei cambiamenti più importanti; potenziali problemi e informazioni sulle modalità di risoluzione vengono illustrati in capitoli successivi.

2.4.1. Modifiche nella pacchettizzazione del kernel

Binary firmware for some drivers moved to non-free

Some drivers load binary firmware into the device they are supporting at run time. While this firmware was included in the stock kernel in previous releases, it has now be separately packaged in the non-free section. If you want to continue to use these devices after reboot, make sure the required firmware is present on the installed system. See section 6.4 of the Installation Manual for details.

Nuovo flavor del kernel OpenVZ

Debian GNU/Linux 5.0 fornisce immagini kernel pre-compilate per OpenVZ, una seconda soluzione di virtualizzazione che va di pari passo al supporto per Linux-VServer incluso in etch. I vantaggi di OpenVZ includono il supporto per migrazioni live, a spese di un carico leggermente aumentato.

Pacchetti dei kernel x86 unificati

Nelle versioni precedenti vi era un flavor speciale del kernel, -k7, per i processori AMD a 32 bit Athlon/Duron/Sempron. Questo flavor è stato eliminato e sostituito da un'unica variante -686, la quale gestisce tutti i processori AMD/Intel/VIA di classe 686.

Dove possibile, sono stati creati dei pacchetti di transizione fittizi che permettono la transizione dai vecchi, eliminati, ai nuovi.

2.5. Emdebian 1.0 (basato su Debian GNU/Linuxlenny 5.0)

Lenny ora contiene gli strumenti di compilazione per Emdebian, i quali consentono la cross-compilazione di pacchetti sorgente Debian per i sistemi ARM.

La distribuzione Emdebian 1.0 stessa contiene pacchetti ARM precompilati sufficienti per creare file system di base che possono essere personalizzati per specifiche macchine e varianti. I kernel e i moduli del kernel devono essere forniti separatamente. Il supporto per armel e per i386 è in fase di sviluppo. Per maggiori informazioni consultare la Pagina web di Emdebian.

2.6. Supporto per i portatili

I portatili, come ad esempio l'Eee PC di Asus, sono ora supportati da Debian. Per gli Eee PC si vedano gli eeepc-acpi-scripts. Debian fornisce inotlre un nuovo ambiente desktop leggero, lxde, il quale è particolarmente indicato per portatili o per altri computer con prestazioni relativamente ridotte.

2.7. Java ora in Debian

Il Runtime Environment openjdk-6-jre and Development Kit openjdk-6-jdk di OpenJDK, necessari per eseguire e compilare interfacce utente e programmi in Java, sono ora inclusi in Debian. I pacchetti sono compilati usando il supporto IcedTea e le patch del progetto IcedTea.



[1] Con alcuni moduli provenienti da GNOME 2.20.