[ precedente ] [ Contenuti ] [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ] [ 6 ] [ A ] [ B ] [ successivo ]


Note di Release per Debian GNU/Linux 3.1 ("sarge"), SPARC
Capitolo 5 - Problematiche di cui bisogna essere al corrente per sarge


5.1 Cambiamenti ai pacchetti di Python

Nessuno dei pacchetti di python2.X inclusi in sarge comprendono i moduli standard 'profile' e 'pstats', poiché essi sono rilasciati sotto una licenza che non è conforme alle DFSG (si veda il bug #293932 per dettagli). Questi due moduli possono essere trovati nei pacchetti python-profiler e python2.X profiler che sono contenuti nella sezione non-free dell'archivio di Debian.


5.2 Aggiornamento ad un kernel 2.6

La serie di kernel 2.6 contiene importanti cambiamenti rispetto alla serie 2.4. I moduli sono stati rinominati e molti driver sono stati parzialmente o a volte quasi completamente riscritti. L'aggiornamento ad un kernel 2.6 non è dunque un processo da intraprendersi con leggerezza. Questa sezione mira a mettere l'utente al corrente di alcune delle problematiche che potrebbe incontrare.

Si è dunque caldamente invitati a non aggiornare ad un kernel 2.6 come parte dell'aggiornamento da woody a sarge. Si dovrebbe invece innanzitutto assicurarsi che il proprio sistema funzioni correttamente o con il vecchio kernel o con un kernel 2.4 di sarge ed eseguire l'aggiornamento ad un kernel 2.6 come progetto separato.

Se si compila il proprio kernel dai sorgenti, ci si assicuri di installare module-init-tools prima di riavviare con il kernel 2.6. Tale pacchetto sostituisce modutils per i kernel 2.6. Se si installa uno dei pacchetti Debian kernel-image, il suddetto pacchetto sarà installato automaticamente in grazia delle dipendenze.

Se si usa LVM, si dovrebbe installare anche lvm2 prima di riavviare, dato che il kernel 2.6 non supporta direttamente LVM1. Per l'accesso alle unità logiche LVM1 è utilizzato il layer di compatibilità di lvm2 (il modulo dm-mod). È possibile lasciare lvm10 installato; gli script di init rileveranno quale kernel è utilizzato ed eseguiranno la versione appropriata.

Se si hanno voci nel file /etc/modules (la lista dei moduli che devono essere caricati durante l'avvio del sistema), si sappia che alcuni nomi di moduli potrebbero essere cambiati. In tal caso si dovrà aggiornare il file con i nuovi nomi dei moduli.

Una volta che si abbia installato il proprio kernel 2.6, ma prima di riavviare, ci si assicuri di avere un metodo di ripristino. Per prima cosa ci si assicuri che la configurazione del bootloader contenga voci sia per il nuovo kernel sia per il vecchio kernel 2.4 funzionante. Ci si dovrebbe anche assicurare di avere un dischetto floppy o CD-ROM di “soccorso” a portata di mano, da utilizzare nel caso in cui una misconfigurazione del bootloader impedisse di fare avviare il vecchio kernel.


5.2.1 Configurazione della tastiera

Il cambiamento più invasivo nei kernel 2.6 è una fondamentale modifica del livello di input. Tale modifica fa apparire tutte le tastiere come tastiere “normali” da PC. Ciò significa che se si ha attualmente selezionato un tipo diverso di tastiera (p.e. una tastiera USB-MAC o Sun) si finirà molto probabilmente coll'avere dopo il riavvio con il nuovo kernel 2.6 una tastiera non funzionante.

Se si può avere accesso tramite SSH da un altro sistema, si può risolvere questo problema con l'esecuzione di dpkg-reconfigure-console-data, scegliendo l'opzione “Scegliere la mappa della tastiera dalla lista completa” e selezionando una tastiera “da pc”.

Se la propria tastiera è interessata, si avrà probabilmente bisogno di riconfigurare la tastiera per l'X Window System. Lo si può fare o eseguendo dpkg-reconfigure xserver-xfree86 o editando direttamente il file /etc/X11/XF86Config-4. Non si dimentichi di leggere la documentazione a cui si fa riferimento in Cose da fare prima di riavviare, Sezione 4.6.

Si noti che se si sta utilizzando una tastiera USB essa potrebbe essere configurata o come tastiera “normale” da PC o come tastiera USB-MAC. Nel primo caso non si sarà interessati dalla problematica descritta.


5.2.2 Configurazione del mouse

Sempre a causa dei cambiamenti nel livello di input, si potrebbe aver bisogno di riconfigurare l'X Window System e gpm nel caso in cui il mouse non fosse più funzionante dopo l'aggiornamento ad un kernel 2.6. La causa più probabile è che è cambiato il file di dispositivo che riceve i dati dal mouse. Potrebbe anche essere necessario caricare moduli differenti.

Se attualmente si ha X configurato per /dev/sunmouse, sarà probabilmente necessario cambiare tale voce in /dev/psaux


5.2.3 Configurazione del suono

Per la serie di kernel 2.6 si raccomandano i driver del suono ALSA rispetto ai più datati driver del suono OSS. I driver del suono ALSA sono forniti per default. Perché il suono funzioni, si debbono caricare i moduli ALSA appropriati per il proprio hardware del suono. Ciò avverrà in generale automaticamente se si ha installato, in aggiunta al pacchetto alsa-base, o il pacchetto hotplug o il pacchetto discover. Il pacchetto alsa-base dovrebbe anche porre “ostracizzare” i moduli OSS per impedire che hotplug e discover li carichino. Se si hanno moduli OSS elencati in modules, li si dovrebbe rimuovere.


5.2.4 Il passaggio a 2.6 potrebbe attivare udev

udev è un'implementazione per lo spazio utente di devfs. È montato sulla directory /dev/ e popolerà tale directory con file di dispositivo supportati dal kernel. Inoltre aggiungerà e rimuoverà dinamicamente file di dispositivo nel momento in cui saranno rispettivamente caricati o de-caricati moduli del kernel, funzionando assieme a hotplug nel rilevamento di nuovi dispositivi. udev funziona solo con kernel 2.6.

Dato che udev è installato automaticamente come dipendenza, p.e., di gnome, c'è la possibilità che l'aggiornamento ad un kernel 2.6 abbia per effetto l'attivazione di udev.

Sebbene udev sia stato testato in modo massiccio, si potrebbero incontrare problemi di poca importanza con alcuni dispositivi che richiederanno di essere aggiustati. I problemi più comuni sono dati da cambiamenti nei permessi e/o nell'attribuzione di un dispositivo. In alcuni casi un file dispositivo potrebbe non essere creato per default (p.e. /dev/video e /dev/radio).

udev fornisce meccanismi di configurazione per fare fronte a problematiche di questo tipo. Si vedano per maggiori informazioni udev(8) e /etc/udev.


[ precedente ] [ Contenuti ] [ 1 ] [ 2 ] [ 3 ] [ 4 ] [ 5 ] [ 6 ] [ A ] [ B ] [ successivo ]


Note di Release per Debian GNU/Linux 3.1 ("sarge"), SPARC

$Id: release-notes.it.sgml,v 1.19 2005/07/05 19:14:46 jseidel Exp $

Josip Rodin, Bob Hilliard, Adam Di Carlo, Anne Bezemer, Rob Bradford (attuale), Frans Pop (attuale)
debian-doc@lists.debian.org
Luca Brivio (traduzione italiana) lucab83@infinito.it