D.5. Installatore grafico

La versione grafica dell'installatore è disponibile soltanto su un numero limitato di architetture, fra le quali PowerPC. La funzionalità dell'installatore grafico è quasi identica a quella dell'installatore tradizionale dato che entrambe le versioni hanno come base gli stessi programmi e differiscono soltanto per l'interfaccia.

Nonostante la funzionalità sia identica, l'installatore grafico ha alcuni piccoli ma significativi vantaggi. Il vantaggio principale è che può supportare un numero maggiore di lingue, cioè le lingue che usano un set di caratteri che non può essere visualizzato con la tradizionale interfaccia «newt». Ha anche vantaggi di usabilità, infatti è possibile usare il mouse e, in alcuni casi, le domande possono mostrate all'interno di un'unica schermata.

Al momento per PowerPC è disponibile soltanto un'immagine ISO sperimentale denominata «mini»[26]. Dovrebbe funzionare sulla maggior parte dei sistemi PowerPC con scheda video ATI, ma è improbabile che funzioni su altri sistemi.

Come per l'installatore tradizionale è possibile aggiungere dei parametri d'avvio anche per l'installatore grafico.

Nota

L'uso dell'installatore grafico richiede molta più memoria rispetto all'installatore tradizionale: almeno 128MB. Se la memoria disponibile non è sufficiente, viene automaticamente attivata l'interfaccia «newt».

Se la quantità di memoria presente sul sistema è inferiore a 32MB, può risultare impossibile avviare la versione grafica dell'installatore invece la versione tradizionale potrebbe funzionare. Sui sistemi con poca memoria si raccomanda l'uso della versione tradizionale dell'installatore.

D.5.1. Uso dell'installatore grafico

Come già detto, l'installatore grafico funziona avendo come base gli stessi programmi della versione tradizionale e quindi questo manuale può essere usato come guida durante il processo d'installazione.

Se si preferisce usare la tastiera al posto del mouse si devono tenere presenti un paio di cose. Per espandere un elenco chiuso (per esempio la selezione dei paesi all'interno dei continenti) si possono usare i tasti + e -. Per domande che ammettono una risposta multipla (per esempio la selezione dei task) dopo aver effettuato le scelte si deve usare usare il tasto tab per spostarsi su Continuare; la pressione del tasto invio cambia lo stato dell'ultima selezione e non attiva Continuare.

Se una finestra di dialogo dispone di un aiuto, viene mostrato il pulsante Aiuto. È possibile accedere alle informazioni d'aiuto usando il pulsante o premendo il tasto il F1.

Per passare su un'altra console è necessario usare anche il tasto Ctrl, esattamente come in X Window System. Per esempio, per passare al VT2 (la prima shell di debug) si devono premere Ctrl+Alt+F2. La versione grafica dell'installatore è eseguita sul VT5, quindi si deve usare Alt+F5 per tornare indietro.



[26] L'immagine ISO mini può essere scaricata da qualsiasi mirror Debian con la stessa procedura descritta in Sezione 4.2, «Recupero dei file dai mirror Debian». Si cerchi netboot/gtk/mini.iso.