A.2. Avvio del programma d'installazione

Il team debian-cd si occupa della creazione delle immagini dei CD del debian-installer e le distribuisce sulla pagina Debian CD. Per ulteriori informazioni su dove procurarsi i CD si consulti Sezione 4.1, «Set ufficiale di CD/DVD-ROM Debian GNU/Linux».

Alcuni metodi d'installazione richiedono altre immagini oltre a quelle dei CD. In Sezione 4.2.1, «Dove trovare le immagini per l'installazione» è spiegato come trovare le immagini sui mirror Debian.

Nei prossimi paragrafi ci sono informazioni dettagliate su quali immagini usare per ogni supporto d'installazione possibile.

A.2.1. CDROM

L'immagine di CD per l'installazione da rete (netinst) può essere usata per installare jessie con il debian-installer. Questa immagine è stata creata per fare l'avvio da CD per poi installare i pacchetti aggiuntivi dalla rete, da qui il nome «installazione da rete». L'immagine contiene le componenti software necessarie per eseguire l'installatore e i pacchetti di base per creare un sistema jessie minimale. Se si preferisce è possibile procurarsi l'immagine di un CD completo che non necessita della rete per effettuare l'installazione, serve solo il primo CD della serie.

Scaricare il tipo che si preferisce e masterizzare l'immagine su un CD. Per fare l'avvio da CD potrebbe essere necessario modificare la configurazione del BIOS del proprio computer come spiegato in Sezione 3.6.1, «Invocare il menu di configurazione del BIOS».

A.2.2. Chiavette USB

È anche possibile eseguire l'installazione da dei dispositivi USB di memorizzazione. Per esempio una chiavetta USB può diventare il supporto per un'installazione di Debian che è possibile trasportare ovunque.

Il modo più semplice per preparare una chiavetta USB è scaricare una qualsiasi immagine dei CD o DVD Debian di dimensione adatta alla propria chiavetta e scrivere l'immagine del CD direttamente sulla chiavetta. Questa operazione distruggerà qualsiasi cosa si trovi sulla chiavetta. Questa procedura funziona perché le immagini dei CD Debian sono immagini iso-ibride, cioè che possono essere usate per l'avvio da lettori CD e da USB.

C'è un altro modo, più flessibile, per preparare una chiavetta con il debian-installer che permette anche l'uso di chiavette più piccole. Per i dettagli si veda Sezione 4.3, «Preparazione dei file per l'avvio da chiavetta USB».

Solo alcuni BIOS possono fare l'avvio direttamente da dispositivi USB quindi potrebbe essere necessario configurare il proprio BIOS per fare l'avvio da un «dispositivo rimovibile» o da «USB-ZIP». Per maggiori informazioni si veda Sezione 5.1.5, «Avvio da chiavetta USB».

A.2.3. Avvio da rete

È anche possibile avviare debian-installer usando solamente la rete. I metodi per l'avvio da rete dipendono dall'architettura e dalla configurazione. I file in netboot/ possono essere usati per l'avvio dalla rete del debian-installer.

Probabilmente la cosa più semplice da configurare è l'avvio da rete con PXE. Si deve estrarre il file netboot/pxeboot.tar.gz in /srv/tftp o in qualsiasi altra posizione riconosciuta come valida dal proprio server TFTP. Poi impostare il server DHCP per passare il file pxelinux.0 ai client e con un po' di fortuna funziona. Per le istruzioni dettagliate si veda Sezione 4.5, «Preparazione dei file per l'avvio TFTP da rete».

A.2.4. Avvio da disco fisso

È possibile far partire l'installatore senza usare un supporto rimovibile, ma solo un disco fisso esistente che può anche ospitare un SO diverso. Scaricare hd-media/initrd.gz, hd-media/vmlinuz e una immagine dei CD Debian nella directory principale del disco fisso, assicurarsi che il nome del file con l'immagine abbia estensione .iso. Adesso si deve solamente avviare Linux con initrd. In Sezione 5.1.4, «Avvio di Linux usando LILO o GRUB» è spiegato come farlo.