Linuxwochen 2004 -- Report

Un altro anno, un altro Linuxwochen. È la terza volta che questa manifestazione attraversa l'Austria ed anche in questa occasione abbiamo avuto uno stand. È sorprendente come essa sia divenuta grande e piena di valore in poco tempo. Quest'anno abbiamo avuto quattro giorni densi di programmi interessanti.

Mercoledì 26 maggio: Desktop Day

L'allestimento degli stand e dell'intera manifestazione era iniziato molto presto. Quando sono arrivato (tra le 8 e le 9) la maggior parte del lavoro di setup della rete nel MuseumsQuartier era già stata fatto ma ero ancora in tempo per aiutare.

Anche gli altri membri dello staff dello stand sono arrivati in orario ed anch'essi hanno aiutato. I poster realizzati da Ayo di 73lab.com e stampati da Credativ sono giunti puntuali, così ne abbiamo avuto alcuni per il pubblico. C'erano anche i volantini.

La manifestazione iniziava alle 13 e la gente è giunta in orario. C'erano stand di Sun, IBM, Novel e di alcune società locali abbastanza interessanti. Gli interventi hanno riguardato principalmente il business desktop ed argomenti correlati (da ciò il nome dato alla giornata).

Alcune persone mi hanno chiesto un aiuto per installare Mandrake sui loro notebook. Bene, l'auto-detect dell'hardware sembrava aver bloccato il sistema, così ho aggiunto noauto. Poi hanno avuto problemi configurando i loro X server, poiché non essendo stato fatto l'auto-detect ... il mouse non era configurato. E la parte migliore: alcuni dei ragazzi avevano un file passwd rotto! L'utente aveva sia la shell che la directory home con impostazioni insensate ("._" o ...). Dopo che ho cambiato quelle impostazioni a qualcosa di sensato, sono stati finalmente in grado di usare le loro Mandrake. Penso che neanche i vecchi boot floppy fossero in grado di creare problemi così bizzarri.

Poco dopo tornava Werner con la sua macchina PA-RISC ed anche con una delle macchine sparc donateci da Krisztian Mark Szentes. La storia dell'anno scorsa con la PA-RISC è continuata poiché aveva un hard-disk failure e necessitava di una nuova installazione. Ma questa volta non è stato così difficile. Il problema maggiore era l'IPX che aveva problemi con il mouse, ma essi sono stati risolti in tempo per la fine del Linuxwochen grazie all'unione delle forze. :)

La giornata finiva con alcune degustazioni di vino. Cosa simpatica, specialmente seduti con altre persone e parlando di vari differenti argomenti.

Giovedì 27 maggio: Business to Business and Authorities Day

Abbiamo iniziato la mattina con i talk e il posto era già un poco sovraffollato quando sono arrivato. Il Sun Java Desktop System talk sembrava abbastanza interessante sebbene non sia rimasto a lungo. Volevo lavorare sul mio talk, che avrei tenuto il prossimo giorno, ma mi era stato dato uno di quegli adesivi "Guru" che indicavano che la gente era libera di chiedermi qualsiasi cosa. Questi adesivi erano una buona idea e quasi tutto il personale del nostro stand ne aveva uno.

Venerdì 28 maggio: Technology Day

Nella mattinata l'area degli stand doveva essere riorganizzata poiché i primi due giorni erano orientati al business e c'erano molti espositori business; gli altri due erano piú orientati alla community. I membri di OpenOffice.org si separavano e veniva fatto spazio per il Perl people ed il progetto Jux project, dal quale ho avuto il mio CD Jux. È sempre carino avere una di quelle cose che hanno il tuo nome in copertina ...

Ho seguito il principale intervento su Copyright e Free Software, che è stato tenuto da Cory Doctorow dell'EFF. Era veramente interessante e spero che sia reso disponibile anche online come i talk dei precedenti due giorni.

La terza giornata aveva la tecnologia come tema principale ed il mio talk era in sintonia. Era il terzo talk nella mia serie "mal anders" e questa volta era sul Debian packaging. Ho incominciato con alien e la gestione dei file distribuiti binary only con debhelper, ho continuato con il formato di un pacchetto deb e su come applicare modifiche ad un deb già fatto. Ho già messo i sorgenti per magic point sulla mia homepage, ma sono disponibili solo in tedesco per ora. Forse ripeterò il talk al LinuxTag, se ci saranno persone interessate. Li sarebbe in inglese perciò è probabile che lo riscriva.

In serata c'era un talk politico con i rappresentanti di tutti e quattro i partiti al governo in Austria. Il principale argomento trattato è stato naturalmente quello dei brevetti software (che sono soprattutto brevetti sulle idee e non sulle tecnologie) e sulle imminenti votazioni per il Parlamento Europeo. È stato abbastanza interessante, anche se il rappresentante del SPÖ non era ben informato.

Dopo, come ogni anno, c'è stata l'hacknight organizzata da CNGW. Non avrei voluto restare tutta la notte, ma proiettavano alcuni film ed ho fatto nottata ...

Sabato 29 maggio: User Day

Sono stato quasi il primo; solo Stefan Heinecke era arrivato prima. Siamo giunti così presto perché il primo talk iniziava alle undici del mattino. È stato l'unico talk che ho seguito interamente ed ho anche dato un aiuto tecnico all'inizio: il notebook aveva dei problemi con il videoproiettore ed una sostituzione era necessaria. Il talk era su "Open Mind goes OpenSource (OMGOS)" e presentava una piattaforma per l'online training che appariva veramente promettente.

Sven Guckes stava nella talk room secondaria con il suo "Vim Feature Show", ma la stanza era completamente piena, come sempre. Anche lui ha avuto alcuni problemi hardware da risolvere all'inizio ma dopo i presenti apparivano soddisfatti durante il suo show. Ha sempre un'attrattiva magnetica per il pubblico.

Dopo ho provato ad aiutare alcune persone con i loro problemi con notebook WinXP e wlan la manifestazione era più o meno finita nel tardo pomeriggio. C'erano ancora alcuni talk, ma l'area espositiva era sempre meno piena e lo smantellamento era iniziato. La parte divertente: stavo partendo con più volantini di quanti ne avessi portati, poiché Christoph Siess aveva lasciato una grande scatola anche per alcuni eventi precedenti e non voleva portarla a casa sua.

In serata c'è stato uno show finale: questa volta era "Hacktivity", in tre round. Il primo con una Binary Search (si pongono al pubblico domande di tipo si/no alle quali viene risposto con un applauso se la risposta è si) sui termini geek. Il secondo round era chiamato Pattern Matching dove il concorrente deve mimare un'azione e gli altri concorrenti devono indovinarla. Il terzo round era ancora Binary Search. Io ero uno dei concorrenti ed ho clamorosamente sbagliato il primo termine, che era "magic code", #! o hash bang. Si hanno 256 secondi per indovinare e non ci sono riuscito. Già pensavo di essere completamente incapace ma gli altri non hanno fatto meglio.

Alla fine del gioco sono arrivato primo vincendo un set di CD di OpenBSD 3.5, ed uno scelta tra una maglietta femminile di OpenBSD, un berretto da baseball OpenBSD, un poster OpenBSD ed una maglietta "Posthörnchen". Naturalmente ho preso quest'ultima. Gli altri hanno ricevuto una versione più vecchia di OpenBSD e dovranno applicare una patch al loro openssh se vorranno installarlo. :-)

Summary

La manifestazione è stata un grande successo: questa volta non ci sono stati talk nell'area espositiva e questo è stato un grosso miglioramento rispetto all'anno passato. Dalla lettura di questo report si può avere l'impressione che abbia parlato di tutto fuorché di Debian. Non è così. Molte persone hanno naturalmente posto domande su Debian ma penso che già le sappiate; molte persone hanno cercato le nostre magliette debian.at t-shirts ma sfortunatamente quest'anno non ne avevamo, dobbiamo preparare qualcosa per il prossimo anno; abbiamo avuto anche molte domande sulla release sarge ed ho invitato a controllare la mailing list debian-vote per il prossimo voto; infine due persone mi hanno chiesto (non sono sicuro se in seguito al mio talk o no) come mettere i loro pacchetti nel pool, gli ho consigliato la mailing list debian-mentors.

Sto pensando all'anno prossimo e sto già iniziando a pensare all'argomento del mio prossimo "mal anders" talk. Vediamo cosa verrà, ho in mente un argomento e spero di avere abbastanza materiale per esso così da poterlo realizzare.

Gerfried Fuchs