Capitolo 4. Autenticazione

Indice

4.1. Autenticazione Unix normale
4.2. Gestire le informazioni su account e password
4.3. Password buone
4.4. Creare password cifrate
4.5. PAM e NSS
4.5.1. File di configurazione letti da PAM e NSS
4.5.2. La moderna gestione centralizzata del sistema
4.5.3. "Perché GNU su non supporta il gruppo wheel"
4.5.4. Regole più stringenti per le password
4.6. Altri controlli sugli accessi
4.6.1. sudo
4.6.2. PolicyKit
4.6.3. SELinux
4.6.4. Limitare l'accesso ad alcuni servizi server
4.7. Sicurezza dell'autenticazione
4.7.1. Password sicure in Internet
4.7.2. Secure Shell, shell sicura
4.7.3. Misure aggiuntive di sicurezza per Internet
4.7.4. Rendere sicura la password di root

Quando una persona (o un programma) richiede l'accesso al sistema, l'autenticazione verifica che l'identità sia fidata.

[Avvertimento] Avvertimento

Errori di configurazione di PAM possono lasciare l'utente fuori dal proprio sistema. Si deve avere un CD di ripristino a portata di mano o impostare una partizione di avvio alternativa. Per fare il ripristino, avviare il sistema con uno di essi e correggere le cose da lì.

L'autenticazione Unix normale è fornita dal modulo pam_unix(8) sotto PAM (Pluggable Authentication Modules). I suoi 3 importanti file di configurazione, con voci separate da ":", sono i seguenti.


"/etc/passwd" contiene righe come le seguenti.

 ...
utente1:x:1000:1000:Utente1 Nome,,,:/home/utente1:/bin/bash
utente2:x:1001:1001:Utente2 Nome,,,:/home/utente2:/bin/bash
 ...

Come spiegato in "passwd(5), le voci separate da ": in questo file hanno il significato seguente.

  • Nome di login

  • Voce di specificazione della password

  • ID numerico dell'utente

  • ID numerico del gruppo

  • Nome dell'utente o campo di commento

  • Directory home dell'utente

  • Voce opzionale per l'interprete di comandi utente

La seconda voce del file "/etc/passwd" era usata per la password cifrata. Dopo l'introduzione di "/etc/shadow", questa voce è usata per la specificazione della password.


"/etc/shadow" contiene righe come le seguenti.

 ...
utente1:$1$Xop0FYH9$IfxyQwBe9b8tiyIkt2P4F/:13262:0:99999:7:::
utente2:$1$vXGZLVbS$ElyErNf/agUDsm1DehJMS/:13261:0:99999:7:::
 ...

Come spiegato in "shadow(5), le voci separate da ": in questo file hanno il significato seguente.

  • Nome di login

  • Password cifrata (I caratteri "$1$" iniziali indicano l'uso della cifratura MD5. "*" indica nessun login.)

  • Data dell'ultimo cambiamento di password, espressa come numero di giorni trascorsi dall'1 gennaio 1970

  • Numero di giorni che l'utente deve aspettare prima di essere autorizzato a cambiare nuovamente la password

  • Numero di giorni trascorsi i quali l'utente dovrà cambiare la propria password

  • Numero di giorni di preavviso per avvisare l'utente che la password è in scadenza

  • Numero di giorni dopo che una password è scaduta in cui la password viene sempre accettata

  • Data di scadenza dell'account, espressa come numero di giorni trascorsi dall'1 gennaio 1970.

"/etc/group" contiene righe come le seguenti.

gruppo1:x:20:utente1,utente2

Come spiegato in "group(5), le voci separate da ": in questo file hanno il significato seguente.

  • Nome del gruppo

  • Password cifrata (non realmente usato)

  • ID numerico del gruppo

  • Elenco di nomi utente separati da ","

[Nota] Nota

"/etc/gshadow" fornisce funzioni simili a "/etc/shadow" per "/etc/group", ma non è realmente usato.

[Nota] Nota

Può essere dinamicamente aggiunta la reale appartenenza di un utente ad un gruppo se viene aggiunta la riga "auth optional pam_group.so al file "/etc/pam.d/common-auth" e se viene impostata in "/etc/security/group.conf". Vedere pam_group(8).

[Nota] Nota

Il pacchetto base-passwd contiene una lista autorevole di utenti e gruppi: "/usr/share/doc/base-passwd/users-and-groups.html".

Quelli che seguono sono alcuni comandi degni di nota per gestire le informazioni sugli account


Può essere necessario avere i privilegi di root per far funzionare alcune di queste funzioni. Vedere crypt(3) per la cifratura di password e dati.

[Nota] Nota

Nei sistemi configurati con PAM e NSS, come la macchina alioth Debian, il contenuto dei file locali "/etc/passwd", "/etc/group" e "/etc/shadow" può non essere attivamente usato dal sistema. I comandi sopra descritti sono validi anche in un ambiente di questo tipo.

Quando si crea un account, durante l'installazione del sistema o con il comando passwd(1), si dovrebbe scegliere una buona password che consiste, secondo passwd(1), di un numero di caratteri da almeno 6 a 8, incluso uno o più caratteri da ciascuno dei seguenti insiemi.

  • Lettere dell'alfabeto minuscole

  • Cifre da 0 a 9

  • Segni di punteggiatura

[Avvertimento] Avvertimento

Non scegliere parole indovinabili come password. Il nome dell'account, il codice fiscale, il numero di telefono, l'indirizzo, il giorno del compleanno, il nome di membri della propria famiglia o di animali, parole del dizionario, semplici sequenze di caratteri come "12345" o "qwerty", … sono tutte scelte pessime come password.

Ci sono strumenti indipendenti per generare password cifrate con salt.


I moderni sistemi *nix come il sistema Debian, forniscono all'amministratore di sistema i meccanismi PAM (Pluggable Authentication Modules) e NSS (Name Service Switch) per configurare il sistema. Il ruolo di questi meccanismi può essere riassunto nel modo seguente.

  • PAM offre un meccanismo di autenticazione flessibile usato dal software applicativo e comporta pertanto scambio di dati sulle password

  • NSS offre un meccanismo di servizio dei nomi flessibile che è usato di frequente dalla libreria standard C per ottenere i nomi di utenti e gruppi per programmi come ls(1) e id(1).

Questi sistemi PAM e NSS devono essere configurati in modo coerente.

I pacchetti degni di nota relativi ai sistemi PAM e NSS sono i seguenti.


  • La guida per l'amministratore di sistema di Linux-PAM, "The Linux-PAM System Administrators' Guide", in libpam-doc è essenziale per imparare la configurazione di PAM.

  • La sezione "System Databases and Name Service Switch" in glibc-doc-reference è essenziale per imparare la configurazione di NSS.

[Nota] Nota

Si può ottenere un elenco più esteso ed aggiornato usando il comando "aptitude search 'libpam-|libnss-'". L'acronimo NSS può anche significare "Network Security Service" che è una cosa diversa da "Name Service Switch".

[Nota] Nota

PAM è il metodo più basilare per inizializzare le variabili d'ambiente per ciascun programma con valori predefiniti a livello di sistema.

Quelli che seguono sono alcuni file degni di nota letti da PAM e NSS.


Le restrizioni sulla scelta delle password sono implementate dai moduli PAM pam_unix(8) e pam_cracklib(8). Possono essere configurati tramite i loro argomenti.

[Suggerimento] Suggerimento

I moduli PAM usano il suffisso ".so" nei loro nomi file.

La moderna gestione centralizzata del sistema può essere messa in atto usando il server del Protocollo LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) per amministrare molti sistemi *nix e non *nix in rete. L'implementazione open source del protocollo LDAP è il software OpenLDAP.

Il server LDAP fornisce le informazioni sugli account attraverso l'uso di PAM e NSS con i pacchetti per il sistema Debian libpam-ldap e libnss-ldap. Per abilitare ciò sono necessarie diverse azioni. (Non ho mai usato questa configurazione e le informazioni che seguono sono di seconda mano. Tenerlo a mente quando si legge quanto segue.)

  • Si configura un server LDAP centralizzato eseguendo un programma come il demone LDAP autonomo slapd(8).

  • Si modificano i file di configurazione di PAM nella directory "/etc/pam.d/" per usare "pam_ldap.so" invece del predefinito "pam_unix.so".

    • Debian usa "/etc/pam_ldap.conf" come file di configurazione per libpam-ldap e "/etc/pam_ldap.secret" come file per archiviare la password di root.

  • Si modifica la configurazione di NSS nel file "/etc/nsswitch.conf" per usare "ldap" invece della scelta predefinita ("compat" o "file").

    • Debian usa "/etc/libnss-ldap.conf" come file di configurazione per libnss-ldap.

  • Per la sicurezza delle password è necessario far sì che libpam-ldap usi una connessione SSL (o TLS).

  • Per assicurare l'integrità dei dati, si può far sì che libnss-ldap usi una connessione SSL (o TLS) a prezzo di un maggiore carico sulla rete LDAP.

  • Si dovrebbe eseguire nscd(8) localmente per mettere nella cache ogni risultato di ricerche LDAP in modo da ridurre il traffico di rete LDAP.

Vedere la documentazione in pam_ldap.conf(5) e "/usr/share/doc/libpam-doc/html/" fornita dal pacchetto libpam-doc e in "info libc 'Name Service Switch'" fornita dal pacchetto glibc-doc.

In modo simile si possono impostare sistemi centralizzati alternativi con altri metodi.

[Nota] Nota

Vedere Sezione 9.3.15, «Tasto Alt-SysRq» per limitare la funzionalità SAK (Secure Attention Key) del kernel.

[Suggerimento] Suggerimento

In systemd, si può usare logind per gestire il login degli utenti. Vedere systemd-logind(8).

sudo(8) è un programma progettato per permettere ad un amministratore di sistema di dare privilegi di root limitati ad utenti, e di registrare l'attività come root. sudo richiede solo la password di un utente regolare. Installare il pacchetto sudo e attivarlo impostando le opzioni in "/etc/sudoers". Vedere esempi di configurazione in "/usr/share/doc/sudo/examples/sudoers" e Sezione 1.1.12, «Configurazione di sudo».

Il mio uso di sudo per un sistema con un singolo utente (vedere Sezione 1.1.12, «Configurazione di sudo») è mirato a proteggere me stesso dalla mia stupidità. Personalmente condidero l'uso di sudo come un'alternativa migliore all'uso costante del sistema dall'account root. Per esempio, il comando seguente cambia il proprietario di "<un_certo_file>" in "<mio_nome>".

$ sudo chown <mio_nome> <un_certo_file>

Naturalmente se si conosce la password di root (come accade per ogni utente Debian che ha installato il proprio sistema), qualsiasi comando può essere eseguito come utente root da qualsiasi account utente usando "su -c".

PolicyKit è un componente del sistema operativo per controllare privilegi a livello di sistema in sistemi operativi simil-Unix.

Le applicazioni GUI più recenti non sono pensate per essere eseguite come processi privilegiati. Per effettuare operazioni amministrative comunicano con processi privilegiati attraverso PolicyKit.

PolicyKit limita tali operazioni agli account utente che appartengono al gruppo sudo, in sistemi Debian.

Vedere polkit(8).

SELinux (Security-Enhanced Linux) è un'infrastruttura per rendere il modello basato su privilegi più restrittivo del modello ordinario di sicurezza in stile Unix, usando politiche di controllo obbligatorio degli accessi (MAC, mandatory access control). I poteri di root possono essere limitati in determinate condizioni.

Per la sicurezza del sistema è una buona idea disabilitare il maggior numero di programmi server possibile. Questo aspetto diventa critico per i server di rete. Avere server inutilizzati, attivati direttamente come demoni o attraverso un programma super-server, è considerato un rischio per la sicurezza.

Molti programmi, come sshd(8), usano un controllo degli accessi basato su PAM. Ci sono molti modi per limitare gli accessi ad un qualche servizio server.

Vedere Sezione 3.2.3, «Esempio di gestione dei runlevel», Sezione 3.2.4, «Il parametro predefinito per ciascuno script init», Sezione 4.5.1, «File di configurazione letti da PAM e NSS», Sezione 3.2.8, «Inizializzazione dei servizi di rete» e Sezione 5.9, «Infrastruttura netfilter».

[Suggerimento] Suggerimento

I servizi Sun RPC devono essere attivi per i programmi NFS ed altri programmi basati su RPC.

[Suggerimento] Suggerimento

Se si hanno problemi con l'accesso remoto in sistemi Debian recenti, commentare la configurazione responsabile come "ALL: PARANOID" in "/etc/hosts.deny", se esiste. (Essere però consapevoli dei rischi per la sicurezza che questo tipo di azione comporta.)

[Nota] Nota

Le informazioni fornite in questo documento potrebbero non essere sufficienti per le proprie necessità di sicurezza ma dovrebbero essere un buon punto di partenza.

Molti servizi per livello di trasporto popolari comunicano i loro messaggi, compresa l'autenticazione con password, in puro testo. È una pessima idea trasmettere password in puro testo attraverso l'Internet selvaggia dove possono essere intercettate. Si possono eseguire questi servizi attraverso "TLS" (Transport Layer Security, sicurezza del livello di trasporto), o il suo predecessore "SSL" (Secure Sockets Layer, livello per socket sicuri), per rendere sicura tramite cifratura tutta la comunicazione, compresa la password.


La cifratura ha un costo in termini di tempo CPU. Come alternativa leggera per la CPU, si può mantenere la comunicazione in testo semplice, rendendo allo stesso tempo sicura la sola password con un protocollo di autenticazione sicura come "APOP" (Authenticated Post Office Protocol) per POP e "CRAMD-MD5" (Challenge-Response Authentication Mechanism MD5) per SMTP e IMAP. (Per inviare messaggi di posta elettronica via Internet dal proprio programma di posta al proprio server di posta è diventato popolare recentemente l'uso per SMTP della porta 587 invece della porta tradizionale 25, per evitare il blocco da parte del fornitore del servizio Internet della porta 25 autenticandosi allo stesso tempo con CRAM-MD5.)

Il programma Secure Shell (SSH fornisce comunicazioni sicure cifrate tra due host non fidati attraverso una rete non sicura, grazie ad un'autenticazione sicura. Consiste del client OpenSSH, ssh(1) e del demone OpenSSH, sshd(8). SSH può essere usato per fare da tunnel sicuro attraverso Internet per le comunicazioni con protocollo non sicuro come POP ed X, con la funzionalità di inoltro delle porte.

Il client cerca di autenticarsi usando un'autenticazione basata sull'host, su una chiave pubblica, challenge-response o con password. L'uso di un'autenticazione con chiave pubblica permette il login remoto senza password. Vedere Sezione 6.9, «Il server e le utilità per l'accesso remoto (SSH)».

Per impedire che qualcuno possa accedere alla propria macchina con privilegi di root, è necessario compiere le azioni seguenti.

  • Impedire l'accesso fisico al disco fisso

  • Bloccare il BIOS ed impedire l'avvio da supporti removibili

  • Impostare una password per la sessione interattiva di GRUB

  • Bloccare il menu di GRUB impedendo i cambiamenti

Avendo accesso fisico al disco fisso, reimpostare la password di root è relativamente semplice seguendo i passi seguenti.

  1. Spostare il disco fisso in un PC con un BIOS che permette l'avvio da CD

  2. Avviare il sistema con un supporto di ripristino (disco di avvio di Debian, CD Knoppix, CD GRUB, …).

  3. Montare la partizione root con accesso in lettura e scrittura

  4. Modificare il file "/etc/passwd" nella partizione root e rendere la seconda voce per l'account di root vuota.

Se si ha l'accesso in modifica alle voci di menu di GRUB (vedere Sezione 3.1.2, «Stadio 2: il bootloader») per grub-rescue-pc all'avvio, è ancora più semplice, seguendo i passi seguenti.

  1. Avviare il sistema con i parametri del kernel modificati in qualcosa del tipo "root=/dev/hda6 rw init=/bin/sh".

  2. Modificare il file "/etc/passwd" e rendere la seconda voce per l'account di root vuota.

  3. Riavviare il sistema.

Si può ora accedere alla shell di root del sistema senza password.

[Nota] Nota

Una volta ottenuto l'accesso alla shell di root, si ha l'accesso a qualsiasi cosa sul sistema e si può reimpostare qualsiasi password. Inoltre, si possono compromettere le password per tutti gli account utente usando strumenti di violazione delle password con attacchi a forza bruta, come quelli nei pacchetti john e crack (vedere Sezione 9.4.11, «Verifica della sicurezza e dell'integrità del sistema»). Queste password violate possono portare alla compromissione di altri sistemi.

L'unica soluzione software ragionevole per evitare tutte queste preoccupazioni è l'uso di una partizione root (o partizione "/etc") cifrata, usando dm-crypt e initramfs (vedere Sezione 9.8, «Suggerimenti per la cifratura dei dati»). Tuttavia è sempre necessaria la password per avviare il sistema.