Debian Project News - 31 Maggio 2010

Benvenuti nel quarto numero di quest'anno della DPN, la newsletter della comunità Debian. In questa edizione troviamo:

Pillole dal Debian Project Leader

Il Debian Project Leader Stefano Zacchiroli ha inviato una mail della serie Pillole dal... nella quale effettua un resoconto di alcune delle sue attività recenti. Nella sua mail, esordisce con un invito ad aiutare il Debian Release Team poiché i membri attuali del team necessitano di maggior aiuto per rendere possibile il rilascio di Debian 6.0 Squeeze. Inoltre, ha citato alcune interviste e interventi pubblici avuti, così come la creazione delle delegazioni per gli Amministratori di Sistema Debian (DSA) e dell'Auditor Debian. Nel resoconto della notizia della sua recente partecipazione all'Ubuntu Developer Summit, ha sollecitato la partecipazione di volontari che agiscano da punto di contatto con le distribuzioni derivate. Il loro lavoro consisterebbe nell'aiutare gli sviluppatori delle distribuzioni derivate da Debian nel trovare le giuste modalità per collaborare con Debian.

Abilitato di default l'avvio parallelo

Il Debian Developer Petter Reinholdtsen ha annunciato che, dopo essere stato abilitato il riordinamento degli init scritpt della sequenza di avvio nello scorso luglio, è stato ora abilitato di default nelle installazioni recenti anche il boot parallelo, che dovrebbe aiutare a ridurre i tempi di avvio e spegnimento dei nuovi sistemi Debian. C'è ancora del lavoro da fare che dovrebbe migliorare la velocità di spegnimento dei sistemi Debian, oltre a ridurre il numero di script che effettuano il kill su un demone durante la procedura di spegnimento.

Scadenza per la conferma di partecipazione alla DebConf

L'organizzatore della DebConf Pablo Duboue ha chiesto a tutti i partecipanti alla Debian Developer Conference 2010 di riconfermare prima del 10 giugno 2010 la loro intenzione di parteciparvi. Tale procedura può essere effettuata mediante l'interfaccia web di organizzazione della conferenza. La conferma della partecipazione è particolarmente importante da parte di coloro i quali hanno richiesto sponsorizzazioni per vitto e/o alloggio.

Declassificazione dei messaggi della mailing list debian-private

Più di quattro anni fa, il Progetto Debian ha deciso di aprire al pubblico gli archivi della propria mailing list privata, dopo un periodo di tre anni. Poiché questo periodo è trascorso dal primo post, il Debian Project Leader Stefano Zacchiroli sta cercando volontari che si occupino di controllare l'archivio, contattare gli autori di queste mail e renderlo pubblico. Martin Krafft ha proposto di modificare il piano di lavoro, rendendo pubbliche parti dell'archivio a intervalli regolari e permettendo agli autori delle mail di cancellare quei messaggi che non desiderano rendere pubblici. Svariati problemi, tuttavia, sono stati evidenziati in relazione a questo approccio, come il fatto che gli autori dei messaggi potrebbero essersi dimessi come Developer nei tre anni intercorsi e non avere quindi più le credenziali di accesso per poter cancellare le proprie mail.

Rimozione di LILO da Debian 6.0 Squeeze

William Pitcock ha spiegato che, a causa di alcune limitazioni (ad esempio la grandezza dei kernel supportati), il boot loader LILO sta per essere rimosso dalla prossima versione di Debian 6.0 Squeeze. Ha inoltre chiesto agli utenti di testare il boot loader sostituto, ovvero GRUB 2.

Supporto del firmware nel sistema di installazione Debian

Il Debian Developer Petter Reinholdtsen ha annunciato di aver introdotto alcuni cambiamenti nel sistema di installazione Debian che dovrebbero permettere una gestione più flessibile del caricamento dei file del firmware (programmi binari caricati ed eseguiti nell'hardware, ad esempio alcune schede di rete). Steve McIntyre, leader del team CD/DVD Debian, ha già adattato il sistema di compilazione delle immagini CD/DVD perché rifletta questi cambiamenti e ha creato alcune immagini di test.

Altre notizie

Ana Guerrero ha notato che alcuni dei recenti Non-Maintainer Upload sono stati abbastanza invadenti e ricorda quindi a coloro che si avvalgono dei Non-Maintainer Upload di effettuare solo dei cambiamenti minimi.

Dopo aver visitato il centro di Ricerca e Sviluppo Électricité de France, il Debian Project Leader Stefano Zacchiroli ha scritto un post sul suo blog sui motivi che li hanno spinti a basare i loro cluster (e ad aumentare il numero dei loro desktop) su Debian. Una delle ragioni principali è stato l'ampio ammontare di programmi scientifici disponibili sotto forma di pacchetti e l'alta qualità degli standard che Debian impone.

Aurélien Jarno ha scritto a proposito del passaggio di Debian da GLIBC a EGLIBC.

L'Amministratore di Sistema Debian Martin Zobel-Helas ha annunciato che, a seguito del successo dell'introduzione delle impostazioni di GeoDNS, la sottozona sperimentale security.geo.debian.org è obsoleta è può essere rimpiazzata dalla normale voce security.debian.org nei file /etc/apt/sources.list.

Roland Mas ha scritto sul suo blog qualche notizia dal progetto FusionForge, il programma su cui è basata la piattaforma collaborativa Debian.

Mentre un simile elenco esisteva già da qualche tempo per i Debian Developer, è stato riferito che Enrico Zini ha appena finito il codice che produce un elenco dei Debian Maintainer e dei loro pacchetti.

Dopo essersi chiesto di quali strumenti specifici della distribuzione manchi la versione Debian di KDE, Sune Vuorela ha riportato alcuni dei feedback ricevuti. Per citarlo: Tutto sommato, sembra che siamo già piuttosto avanti. Abbiamo soltanto bisogno di mettere insieme le ultime cose.

Statistiche sui bug critici per il rilascio nella prossima versione di Debian

Secondo la statistica non ufficiale sui bug RC, la prossima versione di Debian 6.0 Squeeze è al momento affetta da 395 bug critici per il rilascio. 66 di essi sono già  stati sistemati in unstable. Dei rimanenti 329, per 44 dovrebbe già  esserci una patch che li risolve (ma che potrebbe richiedere dei test) e 27 sono marcati come pending (ossia già risolti).

Se si ignorano dunque questi bug, così come i bug critici per il rilascio relativi a pacchetti appartenenti ai repository contrib o non-free, rimangono da correggere 199 bug critici affinché Debian possa essere rilasciata.

Bollettini di sicurezza importanti

Di recente, il Team per la Sicurezza di Debian ha diffuso degli avvisi di sicurezza riguardanti, tra gli altri, questi pacchetti: phpgroupware, dvipng, kdegraphics, postgresql-8.3, krb5 e linux-2.6. Si consiglia di leggerli attentamente e prendere le misure adeguate.

Si noti, inoltre, che questa è solo una selezione dei bollettini di sicurezza più importanti delle ultime settimane. Per essere costantemente aggiornati circa gli avvisi di sicurezza rilasciati dal Team per la Sicurezza, è necessario iscriversi alla mailing list degli annunci di sicurezza.

Pacchetti nuovi e degni di nota

Tra gli altri, i pacchetti seguenti sono stati aggiunti recentemente all'archivio di Debian:

Pacchetti che necessitano di lavoro

Al momento, 630 pacchetti sono orfani e 123 possono essere adottati. Per vedere se ci sono dei pacchetti che interessano si possono consultare gli ultimi report oppure la lista completa dei pacchetti che hanno bisogno di aiuto.

Vuoi continuare a leggere la DPN?

Aiutaci a creare questa newsletter: abbiamo bisogno di altri scrittori volontari che osservino la comunità  Debian e ci facciano sapere cosa sta succedendo. Visita la pagina del progetto per sapere come contribuire. Non vediamo l'ora di ricevere una tua email alla mailing list debian-publicity@lists.debian.org.


Per ricevere ogni due settimane nella propria casella di posta elettronica il notiziario, iscriversi alla lista di messaggi debian-news.

Sono disponibili edizioni precedenti di queste raccolte settimanali.

Redattore di questo numero di Debian Project News è Alexander Reichle-Schmehl.
Traduzione di Francesca Ciceri e Giovanni Mascellani.